blog

  • 8 settembre 2018
  • post

Eric Kuster Interior Design. Lusso con l’anima

fattidistorie.it_eric_kuster1250 pagine brossurate per la recente monografia “Eric Kuster Interior Design”, pubblicata dall’editore tedesco teNeues e dedicata a un astro della progettazione europea, olandese di nascita ma radicato a Londra. Lusso lusso lusso. O meglio “luxury”, come si dice oggi nel linguaggio un po’ trito del design. Per i lavori di Kuster, la definizione non può prescindere da questa parola “da maneggiare con cura”. Perchè i suoi progetti – profusione di materiali pregiati, spazi grandi ma non intimidatori, rivestimenti che più belli non si può, attenzione maniacale ai dettagli ça va sans dire – esprimono

  • 12 agosto 2018
  • post

MuSa di Salò. Quadri immersi nel colore

2fattidistorie_Gobbetto_MuseoDiSaloSul lago di Garda il MuSa, Museo di Salò, ospita dal 13 aprile al 9 dicembre 2018 la mostra “Italianissima”, organizzata da Contemplazioni, giovane team composto da Giovanni Lettini, Stefano Morelli e Sara Pallavicini. Una raccolta di oltre 80 dipinti del ‘900 che portano la firma di

  • 5 luglio 2018
  • post

Microstorie. Percorsi di design e impresa

fattidistorie_microstorie_2 Da che cosa dipende il successo commerciale di un prodotto immesso sul mercato? Il designer deve sapere tutto sui materiali e sulle tecniche di produzione? Design e impresa intraprendono percorsi che creano un campo di relazioni aperte legate alle reciproche influenze tra creatività e management, invenzione e innovazione.

  • 10 aprile 2018
  • post

Storytelling dal mondo del design (ma non solo)

Giulio Ceppi, photo Giovanni Gastel

Giulio Ceppi, photo Giovanni Gastel

In un’epoca in cui il desiderio di autonarrazione porta sulle pagine di libri cartacei e digitali le vite della common people erodendo il concetto secondo il quale sia necessario aver fatto qualcosa di memorabile per veder celebrata la propria biografia, un volumetto recentemente uscito per i tipi di List Lab rimette a posto, nel suo piccolo, le cose, puntando l’obiettivo su figure più che note e influenti nel mondo del design e del progetto.

  • 5 aprile 2018
  • post

Le ceramiche blu di Gio Ponti

fattidistorie_blu_ponti6Il nuovo store a Berlino della casa editrice tedesca Taschen, in Schlüterstraße 39, è il risultato di un progetto a più mani: il designer Marc Newson è l’autore del sistema espositivo a parete per i raffinati volumi dell’editore tedesco, allo studio milanese Licitra Montù Stampanoni si devono gli interni luminosi e percorsi da un respiro mediterraneo, inusuali per l’atmosfera berlinese. Salvatore Licitra, nipote di Gio Ponti e curatore dell’archivio dello studio Ponti, ha scelto alcuni celebri arredi disegnati dal nonno ed entrati nella storia del design italiano del Novecento. Ecco dunque

Sanlorenzo: ville sull’acqua

sanlorenzo_cop sovracoperta_libreria_trac_aog.inddI cantieri Sanlorenzo, vero e proprio atelier della nautica, sono i protagonisti del volume “Stile a bordo” di Decio G. R. Carugati, pubblicato da Mondadori Electa. Un libro dedicato al racconto dell’approccio progettuale innovativo di questa azienda spezzina che, senza tradire uno stile elegante e semplice, ha definito un modo nuovo di “vivere a bordo”.

  • 8 febbraio 2018
  • post

Voglia di primavera

fattidistorie_PISCINE.CASTIGLIONE-arch-baldini1La bella stagione non è poi così vicina, ma le immagini del giardino e della piscina di un bel casale tra gli ulivi delle colline toscane sono un presagio della piacevole tenerezza della prossima primavera. Sembra lì da sempre, questo specchio d’acqua né sfacciatamente grande né minuscolo (misura 15 x 5 metri).

  • 31 gennaio 2018
  • post

Un frammento dell’Hotel Ritz

fattidistorie_ritz-paris-hotel3

photo Quentin Bertoux pour Artcurial

L’Hotel Ritz a Parigi ha riaperto nel 2016, dopo quattro anni di un restauro che ha rispettato la tradizione rappresentata da questo luogo iconico. 3.500 oggetti, suppellettili e arredi che hanno abitato lo storico hotel e che, in seguito all’ultima campagna di rinnovi, non vi hanno più fatto ritorno, saranno i protagonisti di un’asta organizzata da Artcurial

  • 14 gennaio 2018
  • post

Hotel Posta a Reggio Emilia, ospitalità da 500 anni

fattidistorie_cop-Hotel-Posta

La storia del Palazzo del Capitano del Popolo, che si affaccia sulla centrale Piazza del Monte a Reggio Emilia, comincia nel 1280. E’ l’inizio dell’età dei Comuni e il palazzo è la sede della nuova figura eletta per governare la città. I Capitani si avvicendano fino al 1327 quando, con l’avvento delle Signorie, prendono il potere prima i Gonzaga, poi i Visconti, i Terzi e infine gli Este. All’inizio del ‘500 il Palazzo viene di fatto abbandonato, tanto che la municipalità, preoccupata per le spese di manutenzione, affitta i piani superiori ai fratelli Baldicelli degli Scaruffi che ne fanno una “bona ac capace hostaria” per i viaggiatori.